Waszp: al Club la deriva volante che si presta a più interpretazioni

WASZP, X-Camp, V Tappa, Club Nautico Marina di Carrara, 12-14 maggio 2023

Hanno volato sulle acque carraresi gli otto Velisti partecipanti alla Quinta Tappa degli X-Camp: uno dei moduli lanciati dall’Associazione Italiana Classe WASZP per andare incontro agli Under-19 che vogliono navigare sulla deriva monoposto one-design ideata da Andrew McDougall nel 2010.

La tappa carrarese, che ha visto Il Club Nautico Marina di Carrara eletto come location ideale degli X camp per la seconda volta, è l’opportunità per fare il punto e analizzare lo stato dell’arte del progetto e del WASZP in Italia che vede ancora altre due tappe in programma prima degli eventi nazionali e internazionali.

“Orgogliosi di aver ospitato i timonieri WASZP -ha dichiarato il Presidente del Club Nautico Marina di Carrara Carlandrea Simonelli- che qui hanno potuto partecipare alla lezione di teoria nella Club House completamente rinnovata e volare nello specchio di mare antistante il porto dove abbiamo potuto ammirare questo scafo adrenalinico che tanto piace ai giovani velisti.”

Il progetto X-Lab, di cui fanno parte gli X-Camp, è nato dalla volontà della classe e di creare un percorso di crescita per i giovani velisti su derive WASZP che ha come obiettivo finale quello di partecipare con l’X-Team (la squadra dell’X-Camp) ai Campionati Italiani Giovanili in Singolo FIV Under-19 che si terranno a Marina di Ravenna dal 29 al 31 agosto prossimo.

L’X-Team rappresenterà anche l’Italia nella categoria U19 AGLI EUROPEAN WASZP GAMES a Quiberon il prossimo luglio. Un’opportunità ulteriore quest’ultima per confermare il lavoro che l’Associazione Italiana Classe WASZP sta facendo per far crescere una nuova realtà di velisti foilanti. Dall’inizio del progetto molti giovani si sono alternati negli X-Camp, a dimostrazione del forte interesse che c’è e della necessità di offrire un programma di crescita ben definito per tutti coloro che vogliono crescere nella navigazione su deriva foil.

“L’Italia è la prima nazione al mondo -ha dichiarato il Presidente della AICWA Marco Francalancia- che, grazie alla sinergia FIV / AICWA, ha avviato un programma di questo genere rivolto ai giovani. Un modello che altri Classi WASZP nel mondo hanno chiesto di poter imitare. Un vanto per l’Italia che si conferma all’avanguardia nel mondo della vela.”

“l WASZP si impongono oggi -ha continuato Francalancia- non solo come barca adrenalina e divertente per i giovani velisti, ma anche come barca di allenamento perfetta per le altre classi veliche come ha dimostrato Tommaso Geiger, timoniere primo selezionato tra gli Azzurri al Campionato del Mondo Optimist, che da mesi alterna la sua attività in Optimist con il WASZP.”

I segnali sono forti e chiari: il WASZP piace e in tanti sono pronti a navigare sui foil!

“Sono orgoglioso di poter aiutare dei giovani velisti a crescere tecnicamente sui Foil, facendoli al contempo divertire grazie al WASZP. – ha concluso il Presidente della AICWA Marco Francalancia – e ringrazio realtà come il Club Velico Marina di Carrara che grazie alla loro disponibilità e ospitalità permettono a tutti noi di far crescere un nuovo movimento di giovani velisti”.

LOS

Il marconista